GEPPETTO

NUOVA PRODUZIONE 2022/2023

regia: Elisa Canessa

con: Federico Dimitri e Andrea Noce Noseda

musiche originali: Morten Qvenild

costumi: Joachim Steiner-Oberndörfer 

disegno luci: Marco Oliani

press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
1/1

Lo spettacolo è tratto dal romanzo di Fabio Stassi, Mastro Geppetto - Ed. Sellerio

E se Pinocchio non esistesse? Se fosse solo la visione di un poveraccio che sogna di andarsene in giro per il mondo a fare spettacoli con il suo figlio/burattino? Allora Geppetto è un pazzo?! Può darsi. Ma il suo inseguire incessantemente un figlio che non esiste ci parla della luminosa resistenza di chi ha votato la propria vita ad un sogno. A prescindere da tutto. Ci parla di chi ha immaginato un’altra possibilità, un’altra vita, nella quale la poesia può sopravvivere ad un mondo insensato e violento. 

Pinocchio, dicevamo, è solo un ciocco di legno. E’ “corteccia dura da catasta... buona neppure per il fuoco”. E i ciocchi di legno non ridono, non parlano, non soffrono il solletico e non fanno acrobazie. L’uomo Geppetto esce dalla fiaba, ne scardina completamente gli assi per spostarsi su un palcoscenico contemporaneo dove la povertà, la crudeltà, ma soprattutto l’amore sono motore concreto dell’azione. E allora tutta la storia precedente, quella che conosciamo da quando siamo bambini, cambia di colpo di significato. Si trasforma. Produce la metamorfosi che cambia la finzione della fiaba in una verità più luminosa e commovente. Più umana. 

Geppetto è l’ultimo tra gli ultimi. E’ un San Giuseppe ancora più derelitto e umile...
Più storto e più solo. Lo zimbello del paese. Eppure non si ferma davanti a niente: è portatore di quella incredibile capacità di sognare e di amare che lo fa andare avanti nonostante tutto e tutti. Il figlio, se lo partorisce da solo! E’ scintilla vitale. Fruscio d’ali nella caverna della sua mente. lo rincorre senza capire che è un sogno, un desiderio, un fantasma del cuore.

GEPPETTO disubbidisce a tutto: alla solitudine, alla miseria, all’afasia, all’oblio e persino alla morte, entrando a far parte a pieno titolo alla stirpe dei personaggi irriducibili, quali Ulisse o Don Chisciotte. E se questa è una favola rovesciata, il rovesciamento è fare di Geppetto Pinocchio. Allora queste sono “Le avventure di Geppetto”, un povero diavolo come i tanti poveri diavoli, che solo nell’arte possono trovare casa. Nel luogo delle ombre fatte sostanza. 

Ma la a sostanza di Geppetto è il clown... 

“Grande addomesticatore di grilli, amico personale di sua eccellenza la Fata Turchina, pare che per anni abbia vissuto nel ventre di un pescecane! Crede che una marionetta di legno sia il suo figliolo; l’ha registrato pure all’Anagrafe! Lo cerca ovunque e mai lo trova! Signore e signori, il più grande clown del mondo: GEPPETTO!”. 

Nel circo, monumento all’assurdo e mattatoio degli uomini, Geppetto mette in scena l’involontaria comicità di tutti i poveracci della terra. Ci fa ridere e ci fa piangere. Cadee si rialza. Cade, e si rialza. Mille e mille volte. Geppetto muore? Forse Geppetto muore... Ma la poesia no.

Dopo Ad esempio questo cielo, GEPPETTO è la nuova produzione della Compagnia Dimitri/Canessa in collaborazione con Theaterwerkstatt Gleis 5 (CH). Lo spettacolo debutterà in lingua tedesca al Theaterwerkstatt Gleis 5 il 29 e 30 ottobre (repliche 10/11/12/13/17/18/19/20 novembre). Lo spettacolo sarà disponibile per la programmazione italiana a partire da gennaio 2023

 

 

Produzione: Compagnia Dimitri/Canessa, Theaterwerkstatt Gleis 5

Progetto Goldstein e Nuovo Teatro delle Commedie

Con il sostegno di: fondazione culturale del Canton Turgovia,

dipartimento culturale città di Frauenfeld e Kulturpool Regio (CH)

 

Organizzazione: Gianni Parrella 

+39 3387865859 gianni.parre@gmail.com